“Bufale: Penso Positivo e Legge d’Attrazione”

Federico, cosa ne pensi della Legge dell’Attrazione?
Che è una grande stronzata!

Perché?
Vedi, l’Universo è ricco e abbondante, ma questa Energia è messa al servizio equamente di tutte le sue “Forme e/o Creature“. Non c’è un dare o un avere, un prendere o un togliere, ma un distribuire questa Energia a livelli tali di efficienza, che nessuno ne viene escluso. Sul nostro pianeta, invece, specie nel Genere Umano, esiste certamente la ricchezza e l’abbondanza, ma a discapito di qualcuno. Essendo il nostro pianeta più limitato rispetto alle immensità cosmiche (infinito), e circoscritto all’interno di uno “spazio finito“, tale Energia viene distribuita in economia, e questo significa che ci sarà sempre un ricco o un povero perché il “Sistema” su cui è fondata tale distribuzione energetica, non si basa su una modalità di equa distribuzione, ma su di una totale prevaricazione altrui; ci sarà sempre qualcuno che pretenderà di più, nel mentre un altro sarà costretto a cedergli qualcosa. L’equità fittizia sarà data comunque dai flussi economici, che apparentemente ci fanno intendere che il continuo movimento di questa ricchezza produca opportunità, quando in realtà ci sarà sempre qualcuno che ne pretenderà di più, accumulandola, e lasciando agli altri solo le briciole. Per questo motivo, sulla Terra e specie negli Esseri Umani, la “Legge di Attrazione” non funzionerà mai, perché spiritualmente si fonda su di “un principio capitalistico e non egualitario, comunitario o addirittura socialista“, come invece avviene nel resto del Cosmo. Pertanto, qualunque persona arricchita, anche se spinta da buoni fini, lo diventerà sulla Terra a svantaggio di qualcun altro, almeno sino a quando anche qui non opteremo per le stessi “Leggi“, appunto, su cui l’intero Universo si poggia e si evolve continuamente.

Io penso, invece, che anche qui ci sia abbondanza per tutti, e che questa ricchezza non sia a discapito di un altro, o no?
Osserva il “Ciclo della Natura e degli Animali“, tale distribuzione energetica, per quanto enorme, è ancora più spietata della nostra, dal momento che vige la regola del più forte e che “mangia” (letteralmente, non solo metaforicamente), il più debole. Gli umani hanno solo imparato a “mangiarsi tra di loro” in modalità più raffinate, ma non meno grezze… Basterebbe rendersi conto di quanti miliardi di Animali, ogni anno, vengono sacrificati per rimpinzare lo stomaco di tutti gli Esseri Umani. Il “Regno Animale” è un Energia estremamente abbondante, specie se essi vengono allevati per questo scopo, in quanto la loro vita viene sacrificata, non solo per permettere agli Umani di potersene cibare per la loro sopravvivenza, ma anche per soddisfare i piaceri del proprio palato. La “Percezione del Mondo” è una diretta conseguenza delle azioni di tutti, nessuno escluso. Pertanto non si tratta di pensarla così per mera comodità, perché tutto questo accade e accadrà comunque, dal momento che la nostra Energia, essendo dentro uno “spazio finito’” deve essere regolamentata, fintanto non riprenderemo “Percezione” (questa si) della vera “Ricchezza o Abbondanza Universale“, e da li ripartire.

Un aspetto tipico di tanta Spiritualità moderna è questo: “penso positivo, non accendo la TV, mi interesso solo di cose belle, e se non ascolto tutte quelle notizie lugubri o mi faccio influenzare da certa informazione, le energie negative non mi intaccheranno.” Tu, Federico, cosa ne pensi?
All’apparenza il concetto potrebbe anche essere sensato, ma in sostanza è come comportarsi alla stregua di uno struzzo che nasconde la testa sotto la sabbia per non vedere il pericolo. In realtà il Mondo, tangibile, fittiziamente concreto, continuerà ad esistere anche se noi ce ne disinteressiamo, e continuerà a sfornare i suoi problemi anche senza un nostro contatto diretto. Ma il suo modo subdolo di intaccare la positività di queste persone avverrà comunque, perché è inevitabile! La forza di un singolo può molto, ma quello di cui è capace una massa lo è molto di più, e se le forze in gioco non sono in grado di equilibrarsi, una delle due ne verrà prima o poi travolta, specie la più debole. Dimenticare per convenienza o comodità non significa vivere in un “Mondo Positivo, fittizio e relativistico“, e fino a quando non sapremo accettare nell’insieme, nella sua totalità, quanto di bello o di brutto l’Umanità, il Mondo e l’Universo, sanno offrirci ogni giorno, non faremo altro che perpetuare “l’Illusione di cui certe Energie Negative si nutrono“, perché è proprio lì che vogliono condurci, nell’immobilità. Nascondere lo sporco sotto il tappeto non significa averlo cancellato, perché quando poi a distanza di tempo verrà alzato da quella stessa persona, o da un’altra, si manifesterà esattamente uguale come all’inizio di quel gesto: dovrà essere tolto e quello spazio ripulito. E’ soltanto un rimandare, non un risolvere. Tanti “Maestri“, o presunti tali, si isolano in cima alle montagne dove trovano la pace e la quiete, ma non appena scendono a valle non riescono a districarsi nel caos di una città, perdendosi. Perché ricordatevi che: “il vero Maestro è colui che è in pace con sé stesso, sia in cima alla montagna che in mezzo al mercato più chiassoso!