“I Predatori della Spiritualità Perduta”

“Impara ad usare l’Energia Universale. Reiki! Per cambiare la tua Vita per sempre! Attivazioni I° livello sconto del 20%, II° livello sconto del 30%, III° livello sconto del 40%. Se decidi di acquistare in un’unica soluzione tutte le attivazioni, incluso il Master Reiki, sconto del 50%!

Credo sia diventato alquanto evidente come lo scempio non conosca più confini. In tutto quell’ambiente pseudo-spirituale, intriso di becera New Age, è un continuo proliferare, – al pari di un nuovo “Virus Influenzale” (o peggio ancora di una metastasi tumorale) -, di corsi, lezioni, conferenze, seminari, dove si tenta di vendere al miglior offerente tutta la propria spudorata ignoranza, condita anche di un certo edonismo egoico, esposto in pubblica piazza come “il meglio che si possa trovare“. Novelli coach, maestri, guru, santoni, sciamani, risvegliati, illuminati (e tanti, tanti ciarlatani!), stanno popolando a ritmo sempre più crescente non solo i Social, ma anche le nostre città.

Un tempo era usuale ritrovarsi al centro di una cittadina e distinguere chiaramente il Comune, centro politico e del popolo, la Banca, centro finanziario di quel popolo, e la Chiesa, centro spirituale di tutta la Comunità. Oggi, a fianco di tutte queste istituzioni secolarizzate, si è fatta strada, imponendosi, anche la “Sede Associativa o lo Studio Olistico“, dentro il quale si organizzano tutta una serie pressoché infinita e sterminata di attività quali: Yoga, Meditazione, Massaggi, Consulenza, etc. Anzi, in alcuni casi non è nemmeno più presente l’Ufficio Postale ma al contrario, la Scuola di Yoga o del Benessere è diventata quasi imprescindibile.

Corso per diventare Insegnante di Meditazione per Bambini. Rivolto a docenti delle scuole, professionisti, psichiatri, psicologici, genitori. Tot monte ore, crediti formativi, il tutto alla modica cifra di € ###!

Si, perché adesso, questo strano esercito, riunitosi dietro “private associazioni“, dopo essersi dati una parvenza di “ufficiosità” o di “accademia“, aver inventato corsi triennali (come quelli universitari) con tanto di “certificazione” finale (e che ai fini di legge o per lo Stato Italiano, è bene che sappiate che valgono meno di un rotolo di carta igienica), hanno persino avuto la presunzione di andare ad inventarsi dei corsi rivolti a dei “professionisti riconosciuti“, insegnando loro come sia più giusto “meditare“, o quale percorso sia necessario intraprendere per “diventare veramente spirituali“.

E poco importa se tutta questa serie sterminata di iniziative non sia regolamentata, meglio gestita, controllata a livello deontologico, poco importa se per accedere alla Conoscenza e alla Coscienza sia necessario pagare, sovente profumatamente (tanto se non hai soldi puoi sempre attaccarti al c@@o!), poco importa se la quantità di tutti questi ridicoli “avventori” o “predatori“, che oltretutto si considerano dei “Maestri Illuminati“, denotino invece tutta la loro ignoranza, non solo umana ma sopratutto iniziatica (non di rado anche culturale), l’importante è riunirsi sotto un’unica bandiera, intrisa di falsi precetti, motti, slogan (stile Baci Perugina), visioni naïf della vita, e tante tessere associative!

L’importante è pagare per delegare qualcuno a risolvere tutti i nostri problemi!

Perché “essere spirituali” non significa aggrapparsi disperatamente alla sottana dei propri Guru, specie se non si è trovato altro dove scaricare tutto il nostro malessere esistenziale, e specie se si tende, ancora oggi, a confondere il Benessere con la Spiritualità, il Centro Benessere (o Olistico) con il “Cammino Interiore“. Beninteso, le due cose possono anche camminare di pari passo, ma resta oggettivo come siano, in sostanza, due percorsi completamente diversi. I più, per mera comodità, credono che fare Meditazione (o attività ricreative affini, come partecipare a bagni di gong, concertini esotici, etc.), porti alla “Realizzazione del Sé”, quando in realtà distolgono (con la loro stessa illusione) il vero “Cammino” che ognuno dovrebbe fare.

La Spiritualità autentica non è partecipare, magari un fine settimana, solo ad attività ricreative amene ed orientaleggianti, fare finti-corsi triennali dove si spendono migliaia di euro per poi esporre in bella vista un bell’attestato (o certificato) che vale quanto il “due di picche“, ma rimettere in discussione totalmente sé stessi nel profondo, perché: è quanto di più solitario e doloroso possa esserci; è quanto di più intenso e faticoso sino ad oggi mai sperimentato; è quanto di più distruttivo e orribile possiamo aver visto o immaginato. Pertanto, tutti colori che cercheranno di vendervi la migliore soluzione a ogni vostro male, spacciandovi miracolose pozioni o tecniche, credi, precetti o leggi, sappiate che vi sta mentendo (anche inconsapevolmente) spudoratamente.

Corso accelerato per diventare Sciamano. Partecipa anche tu all’innovativo corso per imparare a riconoscere il tuo animale di potere, i segreti delle piante curative, le energie sottili che ci circondano. Diventa un Sciamano per aiutare gli altri! Tot monte ore al prezzo speciale di € ####!

C’è un passo del “Vangelo di Giovanni” che è molto emblematico e che rispecchia alla perfezione il nostro tempo attuale. A quel tempo era vicina la Pasqua[1] e Gesù, che si trovava a Cafarnao, si diresse a Gerusalemme. Entrò nel Tempio, e lì, tra i suoi molti spazi, c’era anche un cortile chiamato “Cortile dei Pagani” al quale potevano accedere anche i non ebrei. Qui, Gesù, incontrò dei mercanti che vendevano degli animali che sarebbero stati poi sacrificati nelle parti più interne e più “sacre” del Tempio, in onore di Dio. Di fronte a questo spettacolo Gesù prese delle sferze e si mise a cacciar via tutti i presenti, gridando: «Portate via di qui queste cose e non fate della casa del Padre mio un Mercato!»

Gesù, in quella circostanza, oppose violentemente il Mercato e il Tempio. Nel Tempio non si vende e non si compera. Per essere davvero nel Tempio bisogna vivere tutti i rapporti gratuitamente, in comunione, cioè bisogna vivere nel Tempio in maniera opposta a come si vive nel Mercato, dove invece i rapporti, invece, sono solo di “natura speculativa“. Non solo bisogna che ci guardiamo da far diventare Mercato il Tempio, ma dobbiamo guardarci anche dall’opposto, far diventare Tempio il Mercato; e quel Tempio è la “Vera Spiritualità” (o “Scienza Iniziatica“) che purtroppo nessuno vi insegna, ma spacciandovela per essa, ve la propongono ogni giorno con la migliore offerta, e in quello stesso Mercato, così tanto ferocemente criticato anche da Gesù ben 2000 anni fa!

Dopo tutto questo tempo non abbiamo ancora imparato niente, nemmeno questa semplice lezione ecumenica, figuriamoci se oggi siamo in grado di poterci definire “Spirituali” quando nemmeno comprendiamo il significato più profondo del termine. La verità che non volete accettare è che siamo circondati di “Predatori Energetici”, Predatori di una Spiritualità ormai perduta!


[1] In occasione della Pasqua si arrivava, a quei tempi, a immolare fino a 18.000 agnelli da parte dei quasi 100.000 pellegrini che affluivano a Gerusalemme. Una folla enorme, tenendo conto che gli abitanti normali di Gerusalemme si aggiravano a circa 40.000 persone. Gli animali potevano essere comperati soltanto con monete senza immagini di Dèi o di Imperatori, perché ogni tipo di immagine era rigorosamente proibita all’interno del Tempio. Quindi chi arrivava con monete inadatte doveva rivolgersi a un cambiavalute.