“Appello rivolto ai Ricercatori del Nulla”

Ultimamente mi stanno arrivando alle orecchie delle voci che sussurrano di come il mio nome, venga spesso detto, pronunciato, citato, persino sbeffeggiato da certi “personaggini” che, come storia ufologica purtroppo ci insegna, ogni tanto emergono dal nulla cercando di farsi strada nell’ambiente, non di rado per un proprio tornaconto personale. Vorrei ricordare a questi sedicenti ricercatori del nulla che sono ben trent’anni che mi occupo di “Musica, Arte, Letteratura e Cultura“, vent’anni che mi occupo di tematiche “Oltreconfine“, e quindici anni che mi occupo attivamente anche (e non solo) di “Ufologia, Spiritualità, Esoterismo, Mito“, etc.

Non per vantarmi, ma credo di aver accumulato così tanta esperienza diretta sul campo da poter dire la mia e di avere una “voce“, anche importante, nell’ambiente della “Ricerca Alternativa Italiana” (e non solo, dato che spesso vengo menzionato all’estero da vari ricercatori, siti, etc.). Ebbene, tutto questo discorso per dirvi una semplice cosa: “ma voi chi siete?” Presentatevi almeno, fatevi vivi con il sottoscritto, parlatemi e confrontatevi direttamente con me (non attraverso video, chat segrete di gruppo, etc.), e vediamo di trovare un terreno di confronto (o scontro, se mai dovrà esserci). Caso contrario, ritornate dalla “Caverna” dalla quale siete emersi, almeno eviterete di fare ulteriori danni, rispetto a quelli che già serpeggiano in questa martoriata commedia umana. No, non fraintendetemi, non è cattiveria, ma non è possibile che periodicamente escano fuori dei “Cultori del Nulla” a denigrare il lavoro serio, individuale e ultradecennale di una persona che ha dedicato 42 anni della sua vita a ricercare la propria verità.

Per concludere: «Mi dissocio da qualsiasi “Gruppo Ufologico” esistente sia sul Web che fuori, compresi tutti quei “Gruppi e/o Associazioni” di sedicenti “Cacciatori di Alieni” che praticano le Ipnosi o strambe tecniche di liberazione. Li trovo ridicoli, fuorvianti, tutti al servizio degli “Arconti/Alieni” (consapevoli o meno), come sovente si dimostrano essere anche dei veri e propri fenomeni da baraccone (o da circo), assurdi e deleteri. L’Ufologia, oltretutto, è una branca della ricerca d’Oltreconfine che non serve praticamente a niente. Se la vostra tanto paventata “Presa di Coscienza” è questa, allora state davvero ridotti male, non con i vostri “Parassiti”, ma con voi stessi!»